Dormire in lingerie

Intimo e abbigliamento
8 Giugno, 2015
Ancora più sexy
2 Luglio, 2015

dormire con le lingerie

PER CHI AMA DORMIRE IN LINGERIE

Oggi in fatto di abbigliamento diamo tutto per scontato: minigonne, canottiere, shorts che lasciano ben poco all’immaginazione. E, potremmo aggiungere, per fortuna, soprattutto considerando che non tutte le donne nel mondo possono permettersi tale libertà! Tuttavia, arrivare all’emancipazione nel vestire che abbiamo oggi non è stato facile, né per l’abbigliamento di giorno, né per quello dedicato alla notte.

La storia dell’arte e la letteratura dell’800 ci raccontano spesso di camicie da notte lunghe fino ai piedi, molto accollate, e solo nel Novecento le misure si ridurranno per lasciare un po’ più scoperti il collo, le caviglie e le braccia. Un rapido passaggio nel periodo degli scomodi corsetti ed ecco che Coco Chanel propone un abbigliamento privo di “sofferenze”, in cui la camicia da notte viene sostituita da sottovesti, molto più morbide e sexy.

La moda comincia a trarre grande ispirazione dall’intimo e dall’abbigliamento per la notte: è il periodo dei Pigiama Party (dove il pigiama era un must), feste per signore (ancora in voga tra le adolescenti di oggi) durante le quali si poteva fumare, bere e chiacchierare senza l’intromissione degli uomini.

La sottoveste diventa un’icona di sensualità soprattutto con il cinema di Silvana Mangano, Anna Magnani, Rita Hayworth, Marylin Monroe, Brigitte Bardot, Elizabeth Taylor e di tutte le grandi dive degli anni 50, ancora molto presenti nell’immaginario collettivo. Senza dimenticare il baby doll, dall’omonimo film di Elia Kazan.

E oggi? La nostra vita è completamente diversa da quella di cinquanta anni fa: niente più corredo di nozze o mogli casalinghe, ma donne affermate, con poco tempo da dedicare ai pizzi, a cui preferiscono la comodità anche per dormire. La camicia da notte ha ormai lasciato il passo al pigiama, più maschile, ma sexy a modo suo e, soprattutto, molto comodo. Anche perché non si corre il rischio di ritrovarsi seminude nel cuore della notte, con la camicia arrotolata fin sotto le ascelle…

Tuttavia, per una notte di passione, sicuramente, il babydoll fa sempre la sua bella figura… meglio non fargli sapere subito che in realtà preferite i pigiamoni di flanella a quadrettoni!

Quello che possiamo consigliarvi, in ogni caso, è che, qualsiasi sia la vostra scelta (camicia, pigiama, tutone, baby doll, etc…), per prima cosa dovete sentirvi comode e a vostro agio: una donna sexy lo è anche in tuta da lavoro e non sempre è necessario scoprire troppo. Inoltre, vi raccomandiamo di prestare grande attenzione al tessuto: la seta e il cotone sono sempre la scelta migliore anche per il vostro benessere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *