San Valentino

La primavera è in agguato: quali colori ci porterà?
2 Febbraio, 2016
Calze
15 Febbraio, 2016

Donna in lingerie in pizzo Brasillians

SAN VALENTINO, COME VIVERE LA FESTA DEGLI INNAMORATI
Si avvicina la festa che ogni coppia che si ama aspetta tutto l’anno: San Valentino è il vostro momento, quello in cui lo scambio di un regalo suggella un sentimento forte e duraturo. Visto che si tratta di un giorno speciale, ecco qualche consiglio su cosa indossare. Ma se volete stupirlo, con il cervello, oltre che con il corpo, raccontategli delle origini di questa bella tradizione, così come ora noi le racconteremo a voi.

Valentino nacque a Iteramna, oggi Terni, nel 176 d.C. e dedicò la sua vita, fino al martirio nel 273 d.C., alla divulgazione del cattolicesimo, in tempi in cui la religione cristiana si scontrava ogni giorno con culti diversi, come quello mitraico. Di famiglia patrizia, a soli 21 anni divenne Vescovo della città di Terni. Ma come nacque la festa di San Valentino come la conosciamo oggi? Nel V secolo d.C., papa Gelasio era determinato a eliminare ogni culto pagano, in particolare quello dei Lupercalia, le feste delle fertilità, durante le quali si compivano anche sacrifici di animali e che vedevano giovani uomini e donne tirati a sorte, vivere insieme per un anno da amanti… Vista la palese “immoralità” della situazione, il papa decise di sostituire questo rito pagano con una festa cristiana consacrata all’amore, che dedicò a San Valentino, morto quasi 300 anni prima. La scelta ricadde su lui, perché fu il primo sacerdote a sposare un legionario pagano con una ragazza cristiana. La leggenda narra, infatti, che Valentino, sentendo la coppia litigare, andò loro incontro con una rosa in mano, pregandoli di smettere. I due, riconciliatisi, qualche tempo dopo chiesero al vescovo di sposarli. La data del 14 febbraio fu scelta, invece, perché in quel giorno del 273 d.C. il santo veniva decapitato su ordine dell’imperatore Aureliano.

Tornando a tempi recenti, la festa di San Valentino non è altro che un modo per confermare il proprio amore, con uno scambio di doni, una cena romantica, un appuntamento diverso dai soliti e, possibilmente, una notte molto piccante.

Dando per scontato che lui penserà all’organizzazione del vostro rendez-vous, a voi non resta che agghindarvi per la sexy nottata… Questa volta, però, al posto di proporvi cosa indossare, ci fa piacere darvi qualche consiglio su come comportarvi.

Certo, la parola d’ordine sarà: sensualità!
Quindi, datevi da fare con i completini intimi: dalla moda low cost a quella extra lusso, tutti propongono capi trasparenti, con pizzi, in seta o in tessuti morbidi e delicati e con colori che, in base alle vostre preferenze, possono essere nuances delicate o forti come il rosso acceso.

Però, il vero must della serata dovrebbe essere: osate! Anche se siete ragazze acqua e sapone e amate la moda casual, almeno per questa serata cercate di essere “trasgressive”. Non nell’accezione classica del genere, ma semplicemente trasgredendo rispetto al vostro modo di essere e arrischiandovi con qualcosa di diverso. Mettetevi anche nei panni di lui e non vi sarà difficile capire cosa vuole…

Noi vi consigliamo sempre di essere voi stesse, ma, come dice l’adagio latino “Semel in anno licet insanire”!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *